sabato 8 dicembre 2012

Emis Killa - Il King






Il testo

Mio padre ha fatto una vita spericolata,
 e io da bravo figlio
 ho preso la stessa strada.
 Animo rivoluzionario
 e regole nada,
 Per questo mi chiamo Emiliano,
 come Zapata.
 Mia madre sperava prendessi dal suo DNA,
 Emiliano mi spaventi sembri tuo papa’.
 Dall’altra parte mio papa’
 quando dicevo calma.
 Non mi rompere i coglioni
 mi sembri tua mamma.
 Fumai con lui la prima canna
 fai un bel respiro..
 fatti un altro tiro.
 Non solo è stato il migliore padre
 sai cosa ti dico,
 Mio padre è stato in assoluto
 il mio migliore amico
 Con i tuoi amici tu fai questo,
 fai quello, mi spiace bello,
 ma il king è mio papà.
 Le stesse crepe nel cervello,
 lo senti dire anche da mio fratello
 il king è mio papa’.
 La fama mi precede in centro lo vedi quello,
 è il figlio di Sergio,
 il king è il mio papa’.
 Conosco tante persone che ci stan dentro,
 con te mi diverto
 ma il king è il mio papa’.
 Mio papà suonava il piano e non si preoccupava,
 di notte non suonava piano e qualcuno bussava,
 quando suonava alla porta quello del terzo piano,
 mio padre lo suonava forte e tornava sul piano.
 Faceva i quadri e l’osservavo mentre era alle prese,
 dipingeva case montagne e pianure stese,
 qualche anno dopo la stessa passione in me si accese,
 e dipinsi anche io le case, del mio paese!
 Mi compro’ anche il motorino un’estate,
 ma mi porto prima in parcheggio che sulle strade,
 e con pazienza mi ha insegnato a fare le impennate,
 ora capisci quando dico che il king è mio padre?
 Con i tuoi amici tu fai questo,
 fai quello, mi spiace bello,
 ma il king è mio papà.
 Le stesse crepe nel cervello,
 lo senti dire anche da mio fratello
 il king è mio papa’.
 La fama mi precede in centro lo vedi quello,
 è il figlio di Sergio,
 il king è il mio papa’.
 Conosco tante persone che ci stan dentro,
 con te mi diverto
 ma il king è il mio papa’
 Mio papa’ mi regalo’ una pistola a piombini,
 mi disse tienila,
 ma non sparare agli uccellini,
 cosi’ mandai all’ospedale un paio dei miei amici,
 mica mi aveva detto di non sparare ai bambini.
 Lui mi ha lasciato piu’ esperienze che consigli,
 e io consiglio di fare lo stesso coi vostri figli.
 Se non facevo certi errori da lattante,
 magari oggi sparavo alla gente
 ed ero latitante,
 entrambi i lati mamma e papa’ importanti,
 il papa’ per farsi i lividi e la mamma per curarli,
 ma se dovessi fare un figlio,
 un giorno, spero sia tutto suo padre, tutto suo nonno.
 Con i tuoi amici tu fai questo,
 fai quello, mi spiace bello,
 ma il king è mio papà.
 Le stesse crepe nel cervello,
 lo senti dire anche da mio fratello
 il king è mio papa’.
 La fama mi precede in centro lo vedi quello,
 è il figlio di Sergio,
 il king è il mio papa’.
 Conosco tante persone che ci stan dentro, c
 on te mi diverto
 ma il king è il mio papa’.

Nessun commento:

Posta un commento