[googleb0de03b8602a8fdb.html]

sabato 29 settembre 2012

Tiziano Ferro - Troppo Buono








Il testo

La metà di una bugia non fa la verità 
quindi nonostante tutto non potrò più amarti 
e mi prendevo in giro 
avevi tutta la vita davanti e lo capivo 

la metà di ciò che penso non l'ho scelto solo io 

perchè credere di amarti non sa bastarmi 
e anche stringendoci o parlandone e negandolo 
ripenserai ancora 
a tutto il bene che 
ti ho dato solo e solamente io 
ripenserai ancora 
a quanto il niente tuo 
per me fu tutto 

e per sempre hai perso un pezzo di me 
e lo sai 
che son stato troppo buono 
ma che, stanco ormai non posso più 
tutto quello che ho sbagliato lo bene anche io 
ma non sono mai arrivato a sentirmi così tanto inutile 
e in tempi avversi 
ti salvai la vita tante volte non ti accorgesti 
ripenserai ancora a tutto il bene che 
ti ho dato solo e solamente io 
ripenserai ancora 
a quanto il niente tuo 
per me fu tutto 
e per sempre ho perso un pezzo di me 
e lo sai 
che son stato 
troppo buono 
ma che, stanco ormai non posso più 
è vero è complicato odiarti 
nessuno al mondo può negarlo tantomeno oggi io e 

è vero è complicato amarmi nè io nè te ci riusciamo io 
da sempre , tu per niente, 
ripenserai ancora a tutto il bene che 
ti ho dato solo e solamente io 
ripenserai ancora a quanto il niente tuo 
per me fu tutto e per sempre ho perso un pezzo di me 
e lo sai 
che son stato troppo buono ma che, stanco ormai non posso più.

  accordi  

LA MI RE FA#m MI [2V]
LA

LA                                 MI
La metà di una bugia non fa la verità
MI-                              
quindi nonostante tutto non potrò 
        FA#
più amarti
SIm               FA#
e mi prendevo in giro
SIm                                MI
avevi tutta la vita davanti e lo capivo
LA                               
La metà di ciò che penso non l'ho 
        MI
scelto solo io
MI-                                  FA#
perchè credere di amarti non sa bastarmi
SIm             MI
e, anche strigendoci
LA                 MI
o parlandone, e negandolo

       SIm           MI
Ripenserai ancora, a tutto il bene che
           LA   MI          FA#m LA 
ti ho dato solo e solamente io
       SIm           MI
ripenserai ancora, a quanto il niente tuo
          LA    MI
per me fu tutto e per sempre hai perso
   FA#m          LA
un pezzo di me e lo sai
SIm
che son stato troppo buono
MI                            LA
ma che stanco ormai non posso più

MI RE FA#m MI

LA                           
Tutto quello che ho sbagliato 
            MI
lo so bene anche io
MI-                                
ma non sono mai arrivato a sentirmi 
 FA#
così tanto inutile
SIm             FA#
e in tempi avversi
SIm                          
ti salvai la vita tante volte 
 
               MI
non ti accorgesti

MI
       SIm           MI
Ripenserai ancora, a tutto il 
bene che
           LA   MI          FA#m LA
ti ho dato solo e solamente io
       SIm           MI
ripenserai ancora, a quanto il
niente tuo
          LA    MI 
per me fu tutto e per sempre 
hai perso
   FA#m        LA
un pezzo di me e lo sai
SIm
che son stato troppo buono
MI                            LA
ma che stanco ormai non posso più
                         MI 
è vero è complicato odiarti
                          MI-
nessuno al mondo può negarlo
               FA#
tantomeno oggi io
SIm                       FA#
e, è vero è complicato amarmi
                      SIm
nè io nè te ci riusciamo
                         MI
io da sempre, tu per niente
       SIm           MI
Ripenserai ancora, a tutto il 
bene che
           LA   MI          FA#m LA
ti ho dato solo e solamente io
       SIm           MI
ripenserai ancora, a quanto il 
niente tuo
          LA    MI
per me fu tutto e per sempre ho perso
   FA#m        LA
un pezzo di me e lo sai
SIm
che son stato troppo buono
MI                            LA
ma che stanco ormai non posso più

LA MI RE FA#m MI
LA MI RE FA#m MI
LA
 

giovedì 27 settembre 2012

Gemelli diversi - Anni, mesi, giorni




Il testo

L'orologio cammina, quanto è amaro questo caffè, il telefono suona, ma non voglio rispondere. oggi ho voglia di uscire ma piove rabbia sulla città. Non c'è più una ragione ormai, un motivo per stare ancora qua, tu mi chiedi perché? Non so fidarmi più di te. Quel vestito che hai nasconde una falsa verità. Ora vai dove vuoi, non voltarti mai più, non pensare più a noi. 

Rit. E asciuga le lacrime. Anni, mesi, giorni da buttare via. Faccia a faccia con la nuda verità. Si, lo so non eri solo mia, questo film un lieto fine non ce l'ha, recitavi in un teatro di bugie ora sveli la tua vera identità. Lascio a te sorrisi e ipocrisia. Questo film un lieto fine non ce l'ha. 

La tua bocca mi sfiora, ma ha un sapore che non è il mio, dimmi chi ti consola, questa notte non sarò io. Con il mio anello già al dito ti hanno vista abbracciata a lui, giuri è solo un amico, non ti crederò mai. 
E verrà il giorno in cui dovrai rimpiangere, dovrai combattere il ricordo che hai di me e di te. Dannato orgoglio il nostro fuoco è cenere. Brucia il castello di menzogne e favole. 

Rit. E asciuga le lacrime. Anni, mesi, giorni da buttare via. Faccia a faccia con la nuda verità. Si, lo so non eri solo mia, questo film un lieto fine non ce l'ha. Recitavi in un teatro di bugie ora sveli la tua vera identità. Lascio a te sorrisi e ipocrisia. Questo film un lieto fine non ce l'ha. 

Tu, sei ritornata a casa e ti ho fermata sulla porta, mi chiedi cos'è che non va? hai la coscienza sporca, dai a me la colpa, dimmi che ti trascuravo, che faccia tosta! come puoi dire ancora Ti amo? parole senza senso, hai perso tutto il mio rispetto, hai cancellato con un gesto ogni mio sentimento. Ritorna da quel fesso con cui sei andata a letto, l'ho scoperto! non mi chiedere chi me l'ha detto. Ho preso a pugni il muro e ho le nocche sanguinanti! vorrei ridarti le tue cose ma le ho già bruciate. La mia metà indecisa, l'ho uccisa e poi seppellita. Oggi per me sarà l'inizio di una nuova vita! 

E asciuga le lacrime. E asciuga le lacrime.E asciuga le lacrime. E asciuga le lacrime... 

Gemelli Diversi - Non ci controlli




Il testo

Strano: 
Ci han lasciato soli,ma noi vogliamo di più,ci hanno chiusi fuori,per non sentirci più,ma quelli come noi…
Grido: 
Se pure tu sei nato senza una complicazione,a parte quella di aver scelto l’epoca peggiore,se i bulli della scuola ti storpiavano il cognome,ti usavano come pallone alla ricreazione,e ti vestivi male si ma gli altri tutti uguale, ti han convinto a fumare si però non aspiravi,ed ora ti ritrovi tra milioni di precari,e pensi: “io non voglio darla vinta a quegli infami perché … : 
Strano: 
Ci han lasciato soli,ma noi vogliamo di più,ci hanno chiuso fuori,per non sentirci più,ma quelli come noi non li controlli più,non li controlli più, non li controlli più , più ,più … Noi siamo sempre di più e non ci controlli più,non ci controlli più,non ci controlli più,più più … 
Thema: 
Pensi di essere sbagliato,ti senti tagliato fuori,non sei nella lista dei vip,non sei giù coi migliori,se questi anni che han riempito,sono d’illusioni,se quando alzi gli occhi al cielo cerchi spiegazioni,se arrivi a fine mese senza neanche in tasca un euro,ti sembra d’impazzire e dici: “chiama la neuro”,non darti mai per vinto quando vedi tutto nero,perché tutto è possibile se ci credi davvero … 
Strano: 
Ci han lasciato soli,ma noi vogliamo di più,ci hanno chiuso fuori,per non sentirci più,ma quelli come noi non li controlli più,non li controlli più, non li controlli più,più più … Noi siamo sempre di più e non ci controlli più,non ci controlli più,non ci controlli più,più più … 

Gemelli Diversi - Gucci Bag




Il testo

Strano: 
“Respira sui suoi tacchi,è fiera di sé,nessuno può staccare gli occhi da lei,mi passa accanto e non si accorge di me,col suo vestito nuovo e in mano una gucci bag!” 
Grido Thema: 
In questa disco fa sempre più caldo,e le casse dell’impianto stanno scoppiando,tanto non si parla, e abbassa lo sguardo e quando lei balla si sente uno schianto,vuole tutti gli occhi addosso,con il suo completo rosso,e non so se te ne sei accorto ma ad ogni sorso a me sembra più corto!E la disco suda suda,ecco perché tu sei venuta nuda,nella vasca di barracuda niente paura,buona fortuna,vodka redbull,coca e rum ,meno male che a guidare non sei tu,che ti svegli e non ricordi più,ma è già tutto su you tube! 
Strano: 
La città dorme già,ma la musica mai,lei lo sa,viene giù,e non la puoi fermare più! Agita nel cielo la sua gucci bag (x3) Gucci bag (x2) 
GridoThema: 
Qui c’è chi sa come divertirsi,e c’è chi ha voglia di stupirsi,o meglio stupefancentirsi,gin e lemon,coca e whisky,è una folla che barcolla entra in pista,poi decolla,questa disco è come una jolla,per cui ti fa male,ma nessuno la molla,qui c’è quella che s’innamora e quella che sa già che torna a casa da sola,che c’è sempre quello che ci prova,specie dopo una certa ora,come i zoo,in disco disco,ma domani mi ripulisco,lo si dice ma non lo si fa,ci si ritrova tutti qua! 
Strano: 
La città dorme già,ma la musica mai,lei lo sa,viene giù,e non la puoi fermare più! Agita nel cielo la sua gucci bag (x3) Gucci bag (x2) 
“Respira sui suoi tacchi,è fiera di sé,nessuno può staccare gli occhi da lei,mi passa accanto e non si accorge di me,col suo vestito nuovo e in mano una gucci bag!” 
Agita nel cielo la sua gucci bag (x3) Gucci bag (x2) 

GEMELLI DIVERSI - TUTTO DA CAPO




Il testo

Questa è la storia di un ragazzo cresciuto in periferia, 
che cercava di scappare via 
da quella monotonia 
ha preso in mano una penna e da lì ha iniziato il viaggio 
trovò il coraggio 
per affrontare un mondo di ghiaccio. 
Sognava giorni di gloria nella sua storia 
la gioia di una vittoria 
la fine di quella noia. 
Durante la lezione scriveva rime sul banco 
la testa altrove pensava a cosa dire sul palco. 
Nottate in bianco, ma il sogno si stava avverando. 
Più si faceva in quattro e meno si sentiva stanco, 
fino al giorno in cui sentì il suo pezzo suonare per radio 
e ovunque andava gli dicevano sei straordinario. 
Prima era sempre a secco adesso tasche sempre piene 
tutte le donne che voleva le poteva avere. 
Fuori tutte le sere in volo da una città all'altra 
mentre pensava ce l'ho fatta! 

RIT Questa vita ti può illudere 
solamente chi è più forte ce la fa 
vedi già il traguardo e poi torna tutto da capo 
Non pensare che sia facile 
tieni a mente che chi è forte ce la fa 
stringi i denti e poi incomincia tutto da capo (da capo) 

Dibattè un palco 
girò paesi in lungo e in largo 
ma senza che se ne accorgesse stava cambiando, 
lui voleva soltanto essere il migliore 
fino al punto che il suo ego arrivò ad offuscarne la ragione 
Non si divertiva più sembrava sempre serio 
e tra mille mani su trovava un dito medio. 
Non lo dava a vedere soffriva come un cane 
con le persone più care sempre più lontane. 
Una vita perfetta adesso gli andava stretta. 
E quella fiamma che bruciava ormai sembrava spenta. 
Come una botta in testa fece l'amara scoperta 
che in quest'ambiente la gente 
volta le spalle in fretta. 
(...) credeva a nessuno di loro 
aveva mille donne accanto ma dentro era solo 
e rimandava i problemi a domani 
mentre il suo sogno gli sfuggiva dalle mani. 

RIT 

Quel ragazzino è cresciuto ed è diventato un uomo 
sa che se cadi devi alzarti provarci di nuovo 
lottare a denti stretti 
è inutile che aspetti 
devi trarre lezione da ogni errore che commetti 
E se c'è chi ti disprezza devi farci il callo 
perchè la gente a volte critica giusto per farlo 
Così a imparato a farsi scivolare addosso il male 
più grande è il premio e più alto è il prezzo da pagare. 
persone false attorno non ne ha bisogno 
ha una famiglia che ama e la riempie d'orgoglio 
Ha un futuro incerto 
e proprio questo lo rende tenace 
si gode la libertà di fare ciò che gli piace. 
Sembra la trama di un film ma tuttavia 
questo racconto non è frutto della fantasia 
la storia di quel tipo cresciuto in periferia 
è una biografia ed è la mia. 

RIT

Gemelli Diversi - V.A.I.




Il testo

Grido: 
Ho in bocca il gusto del sangue e la mia pelle brucia,e anche se cerco fino in fondo non c’è più fiducia,come hai potuto fingere tutto sto tempo,come hai potuto spingermi fino all’esaurimento,guardati nello specchio,dimmi che cosa vedi,pensa che fine han fatto i tuoi progetti e tutti i tuoi desideri,non ci credevi davvero;le tue sono promesse,fatte da chi non le mantiene quindi sono niente… 
Strano: 
Brucia l’inferno amore mio ,mentre ti vesti e dici addio,solo un peccato ci condanna,brucia l’inferno, all’inferno … Brucia la stanza mentre te ne vai,bruciano i sogni e rimangono i tuoi,ma te ne vai, tu te ne vai … 
Thema: 
Così tra fuoco e fiamma,così senza domande,solo silenzio che dentro diventa devastante,ripeto : “bye, bye” anche se ho il cuore in gola,ti chiedo: “vai,vai” senza dire una parola,e anche se brucia nelle vene non facciamo scene,la verità è che ormai insieme non stiamo più bene,siamo un incendio spento,cenere che si dirada,e adesso è ora che ognuno vada per la sua strada… 
Strano: 
Brucia l’inferno amore mio ,mentre ti vesti e dici addio,solo un peccato ci condanna,brucia l’inferno, all’inferno … Brucia la stanza mentre te ne vai,bruciano i sogni e rimangono i tuoi,ma te ne vai, tu te ne vai … 
Brucia l’inferno amore mio ,mentre ti vesti e dici addio… 

Gemelli Diversi - Tutto Da Capo - tracklist




tracklist:

• Per farti sorridere Tutto Da Capo Gucci Bag  Non Ci Controlli  V.A.I.  Anni Mesi Giorni  
•Spaghetti Funk Is Dead 
•Con Le Mie Mani 
•Al Di Là Delle Stelle 
•Alla Goccia 
•I Miei Amici 
•Sei Come Sei 
•Miss U Much 
•Questa E' Una Rapina 
•Va Tutto Bene 

mercoledì 26 settembre 2012

Il pulcino Pio. La compilation ufficiale



Tracklist:
01.  Pulcino Pio - Il Pulcino Pio 02:41 
02.  Raffaella Carrа - Tuca Tuca 02:40 
03.  Gusttavo Lima - Balada (Tchк Tcherere Tchк Tchк) 03:24 
04.  Baby Oro Group - Il Coccodrillo Come Fa 03:17 
05.  Tacabro - Tacatа 03:32 
06. Tonio - Le Tagliatelle Di Nonna Pina 03:22
07.  Michel Telу - Ai Se Eu Te Pego 02:48 
08. Claudio Cecchetto - Gioca Jouer 03:50
09. Romina Power - Il Ballo Del Qua Qua 02:47
10. Baby Oro Group - Katalicammello 03:15
11.  Little Band - Nella Vecchia Fattoria 02:55 
12. Leone Di Lernia - Il Ballo Del Leone 03:22
13. Pulcino Pio - Il Pulcino Pio (Karaoke Version) 02:42

lunedì 24 settembre 2012

No Doubt - Settle Down




Il testo

Get get get in line, and settle down
Get in line, and settle down
Once you’re twenty, where’s your ring?
Check it in, then check you out
Concern about your whereabouts
Coffee bag, you’re acting strange
So tell me what is going on
So heavy I bet
I’m fine (and nothing’s gonna knock this girl down)
I’m feeling positive for real, i’m all good no
I’m fine (and nothing’s gonna knock this girl down)
It’s gotten complicated that’s for sure
But you can see it my eyes, you can read on my lips
I’m trying to get a hold on this
And I really mean it this time
And you know it’s such a trip
Don’t get me started
I’m trying to get a hold on this
Get get get in line, and settle down
Get in line, and settle down
No big deal, little bounce off me
In or out, moved block before, doesn’t matter anymore
Here we go again, are you insane?
We’re underneath the avalanche so heavy again
I’m fine (and nothing’s gonna knock this girl down)
I’m feeling positive for real, i’m all good no
I’m fine (and nothing’s gonna knock this girl down)
It’s gotten complicated that’s for sure
But you can see it my eyes, you can read on my lips
I’m trying to get a hold on this
And I really mean it this time
And you know it’s such a trip
Don’t get me started
I’m trying to get a hold on this
Get get get in line, and settle down
Get in line, and settle down
I’m a rough and tough, i’m a rough and tough
And nothing’s gonna knock this girl down
I’m a rough and tough, i’m a rough and tough
And nothing’s gonna knock this girl down
I’m a rough and tough, i’m a rough and tough
And nothing’s gonna knock this girl down
I’m a rough and tough, i’m a rough and tough
But you can see it my eyes, you can read on my lips
I’m trying to get a hold on this
And I really mean it this time
And you know it’s such a trip
Don’t get me started
I’m trying to get a hold on this
Gotta get a hold on this
Trying to get a hold on this
Don’t get me started
Gotta get a hold on this
Get get get in line, and settle down
Get in line, and settle down
Get get get in line, and settle down
Get in line, and settle down

  traduzione  

Mettiti in fila, e poi sistemati
Mettiti in fila, e poi sistemati
Ora che hai 20 anni, dove è il tuo anello?
Controlla, poi fai attenzione
Preoccupato per la tua sorte
Sacchetto di caffè, ti sta comportando in modo strano
Allora, dimmi cosa sta succedendo
E’ pesante scommetto
Io sto bene (e niente butterà giù questa ragazza)
Mi sento positiva per davvero, sto proprio bene
Io sto bene (e niente butterà giù questa ragazza)
E’ tutto più complicato, questo è sicuro
Ma lo puoi vedere nei miei occhi, lo puoi leggere sulle mie labbra
Devo resistere a tutto questo
E lo dico sul serio questa volta
E tu lo sai che è un viaggio strano
Non farmi parlare
Sto cercando di resistere a tutto questo
Mettiti in fila, e poi sistemati
Mettiti in fila, e poi sistemati
Niente di serio, rimbalza lontano da me
Dentro o fuori, si è trasferito al blocco più in la, non ha più importanza
Ci risiamo, sei pazzo?
Siamo sotto la valanga, è così pesante, di nuovo
Io sto bene (e niente butterà giù questa ragazza)
Mi sento positiva per davvero, sto proprio bene
Io sto bene (e niente butterà giù questa ragazza)
E’ tutto più complicato, questo è sicuro
Ma lo puoi vedere nei miei occhi, lo puoi leggere sulle mie labbra
Devo resistere a tutto questo
E lo dico sul serio questa volta
E tu lo sai che è un viaggio strano
Non farmi parlare
Sto cercando di resistere a tutto questo
Mettiti in fila, e poi sistemati
Mettiti in fila, e poi sistemati
Sono un aspra e forte, io sono aspra e forte
E niente butterà giù questa ragazza
Sono un aspra e forte, io sono aspra e forte
E niente butterà giù questa ragazza
Sono un aspra e forte, io sono aspra e forte
E niente butterà giù questa ragazza
Sono un aspra e forte, io sono aspra e forte
Ma lo puoi vedere nei miei occhi, lo puoi leggere sulle mie labbra
Devo resistere a tutto questo
E lo dico sul serio questa volta
E tu lo sai che è un viaggio strano
Non farmi parlare
Sto cercando di resistere a tutto questo
Devo resistere a tutto questo
Sto cercando di resistere a tutto questo
Non farmi parlare
Devo resistere a tutto questo
Mettiti in fila, e poi sistemati
Mettiti in fila, e poi sistemati
Mettiti in fila, e poi sistemati
Mettiti in fila, e poi sistemati
 

domenica 23 settembre 2012

Negramaro - Ti é mai Successo?




Il testo

Ti è mai successo di sentirti al centro 
al centro di ogni cosa 
al centro di quest’universo 
e mentre il mondo gira 
lascialo girare 
che tanto pensi 
di esser l’unico a poterlo fare 
sei così al centro 
che se vuoi lo puoi anche fermare 
cambiarne il senso 
della direzione per tornare 
nei luoghi e il tempo 
in cui hai perso ali, sogni e cuore 
a me è successo 
e ora so volare 
ti è mai successo di sentirti altrove 
i piedi fermi a terra 
e l’anima leggera andare 
andare via lontano e oltre 
dove immaginare 
non ha più limiti 
hai un nuovo mondo da inventare 
sei così altrove 
che non riesci neanche più a tornare 
ma non ti importa 
perché è troppo bello da restare 
nei luoghi e il tempo 
in cui hai trovato ali, sogni e cuore 
a me è successo 
e ora so viaggiare 
oltre 
questa stupida rabbia per niente 
oltre l’odio che sputa la gente 
sulla vita che è meno importante 
di tutto l’orgoglio 
che non serve a niente 
oltre i muri e i confini del mondo 
verso un cielo più alto e profondo 
delle cose che ognuno rincorre 
e non se ne accorge 
che non sono niente 
ti è mai successo di guardare il mare 
fissare un punto all’orizzonte e dire: 
” è questo il modo in cui vorrei scappare 
andando avanti sempre avanti senza mai arrivare ” 
in fondo in fondo è questo il senso del nostro vagare 
felicità è qualcosa da cercare senza mai trovare 
gettarsi in acqua e non temere di annegare 
a me è successo 
e ora so volare 
oltre 
questa stupida rabbia per niente 
oltre l’odio che sputa la gente 
sulla vita che è meno importante 
di tutto l’ orgoglio 
che non serve a niente 
oltre i muri e i confini del mondo 
verso un cielo più alto e profondo 
delle cose che ognuno rincorre 
e non se ne accorge 
che non sono niente 
ti è mai successo di voler tornare 
a tutto quello che credevi fosse da fuggire 
e non sapere proprio come fare 
ci fosse almeno un modo uno per ricominciare 
pensare in fondo che non era così male 
che amore è se non hai niente più da odiare 
restare in bilico è meglio che cadere 
a me è successo e ora so restare

Alessandro Mannarino suona e canta la sigla di Ballarò




Sigla ballaò


sabato 22 settembre 2012

Enrico Caruso - O Sole Mio




Il testo

Che bella cosa na jurnata 'e sole, 
n'aria serena doppo na tempesta! 
Pe' ll'aria fresca pare gia' na festa 
Che bella cosa na jurnata 'e sole. 
Ma n'atu sole 
cchiu' bello, oi ne'. 
'O sole mio 
sta 'nfronte a te! 
'O sole, 'o sole mio 
sta 'nfronte a te, 
sta 'nfronte a te! 

Lùcene 'e llastre d''a fenesta toia; 
'na lavannara canta e se ne vanta 
e pe' tramente torce, spanne e canta 
lùcene 'e llastre d'a fenesta toia. 

Ma n'atu sole 
cchiu' bello, oi ne'. 
'O sole mio 
sta 'nfronte a te! 

Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne, 
me vene quase 'na malincunia; 
sotto 'a fenesta toia restarria 
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne. 

Ma n'atu sole 
cchiu' bello, oi ne'. 
'O sole mio 
sta 'nfronte a te! 

  accordi  

G   Am7  D7  G
 Cm7  G   D7  G
 D7

          G   /5+              Am    /7+ /7
Che bella cosa è na jurnata 'e sole
Am6      D    D7          G     /7+  /6
n'aria serena doppo na tempesta
D7          G     /5+          Am
Pe' ll'aria fresca pare già na festa
Cm7       G          D7      G
che bella cosa na jurnata 'e sole

         G
Ma n'atu sole
               Am7
cchiù bello oi nè
        D7
'o sole mio
              G
sta nfronte a te
   Cm7          G
'o sole 'o sole mio
              D7
sta nfronte a te
              G       C  Cm  G  D7
sta nfronte a te


          G   /5+               Am      /7+ /7
Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne
Am6     D    D7          G     /7+  /6
me vene quase 'na malincunia
D7         G     /5+        Am
Sotto 'a fenesta toia restarria
Cm7       G               D7    G
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne


         G
Ma n'atu sole
               Am7
cchiù bello oi nè
        D7
'o sole mio
              G
sta nfronte a te
   Cm7          G
'o sole 'o sole mio
              D7
sta nfronte a te
              G
sta nfronte a te
              D7
sta nfronte a te
              G        Cm7  G7+
sta nfronte a te...

Ti lascio una canzone 2012 - prima puntata
Michele Perniola - Billie Jean



La giuria, composta da Pupo, Massimiliano Papi e Cecilia Gasdia premia Michele Perniola che vince la puntata con la sua straordinaria esibizione “Billie Jean” di Michael Jackson.

Ti lascio una canzone 2012 - prima puntata
Giovanna Ferrara - Io come lui


Torna Ti lascio una canzone, il baby talent di Rai Uno condotto da Antonella Clerici.
Per il pubblico da casa, tramite televoto, ha la meglio Giovanna Ferrara (Vania) con "Io per lui".



venerdì 21 settembre 2012

1972 - 14° Zecchino d'oro
Tre scozzesi
Marco Ferri, Cesare Francalanci e Gabriele Gatti



Lo Zecchino d'Oro dal 1959

1972 14° Zecchino d'Oro




Il testo

Sono scesi giù dai monti della Scozia
Tre tipi strani e tanto buffi come pochi,
Con il gonnellino e con la cornamusa
Girano il mondo per cercare fortuna.

Han formato un complessino come si usa,
Con la chitarra, l'organetto e cornamusa;
Poi se avran successo ed anche un po'
fortuna
Guadagneranno da comprare la luna.

Son tre tipi così originali,
Hanno i baffi, il berretto e gli occhiali,
Una pipa che fa tanto fumo
E la fumano un po' per ciascuno...

Sono uomini e portan la gonna,
Chi lo sa come veste la donna?
Sono furbi, son pieni d'astuzia:
Ma che strana la gente di Scozia!

Firifirifiri firifirifirì
Firifirifirifirifà...
Firifirifiri firifirifirì
Firifirifirifirifà...

Non in treno, ma viaggiando su un carretto
Loro risparmiano i soldini del biglietto,
E così questo terzetto gira, gira...
Va per il mondo e non spende una lira.

Son decisi a non sprecar nemmeno il fiato,
Soffiano a turno nella loro cornamusa,
Perché il viaggio è lungo e i casi sono tanti...
Certo quel fiato può servigli più avanti!

E suonando, suonando con arte
Dei soldini ne han messi da parte,
Hanno fatto una grande fortuna,
Ma però non la compran la luna...

Or non suonano più cornamuse
E non viaggiano più sul carretto,
Questi tre così pieni d'astuzia
Da ricconi ritornano in Scozia!

Firifirifiri firifirifirì
Firifirifirifirifà...
Questi tre così pieni d'astuzia
Da ricconi ritornano in Scozia...

Questi tre così pieni d'astuzia
Da ricconi ritornano in Scozia....!!!

mercoledì 19 settembre 2012

1980 - 23 Zecchino d'oro
Maria Armanda De Jesus Lopes - Ho visto un rospo



Lo Zecchino d'Oro dal 1959

1980 23° Zecchino d'Oro




Il testo

Ho visto un rospo,
Un grosso rospo
Col muso smorto
E un occhio storto.

Hai visto un rospo
Tradizionale
O un animale
Un po' speciale?

Ho visto un rospo,
Un grosso rospo
Che canta e balla
E gioca a palla!

Allora è un rospo
Pazzerellone,
È un mattacchione
Di professione!

Ho visto un rospo,
Un grosso rospo
Che si è mangiato
Un carro armato!

Bevendo vino,
In un baleno,
Ha fatto il pieno
Di un autotreno...

Ho visto un rospo
Che ha preso fiato,
Poi si è gonfiato
Ed è volato!

A questo punto
Si ha il sospetto
Che il rospetto
Sia un maghetto!

Orchestra

Eu vi um sapo
Com guardanapo
Estava a papar
Um bom jantar.

Tu viste um sapo
Com guardanapo
E o que comia?
E o que fazia?

Eu vi um sapo
A encher o papo
Tudo comeu
Nem ofereceu.

Tu viste um sapo
A encher o papo
E o bicharoco
Não te deu troco.

Ho visto un rospo,
Un grosso rospo
Che si è mangiato
Un carro armato!

Bevendo vino,
In un baleno,
Ha fatto il pieno
Di un autotreno...

Ho visto un rospo
Che ha preso fiato,
Poi si è gonfiato
Ed è volato!

A questo punto
Si ha il sospetto
Che il rospetto
Sia un maghetto!

Non è un maghetto,
Né un diavoletto,
Né un'invenzione
Della canzone;
Ma ho capito
E ve lo dico
Che è un amico.... .
DI MIO PAPÀ....!!

lunedì 17 settembre 2012

12° Zecchino d'oro - 1970
Stefano Romanelli e Antonella Baldini
La nave gelsomina dirindirindina



Lo Zecchino d'Oro dal 1959

1970 12° Zecchino d'Oro




Il testo

Dirindirindina dirindirindella
Dirindirindella dirindirindà

La nave Gelsomina Dirindirindina
Non vuole navigare, dirindirindà
Sarà perché è piccina, dirindirindina
Sarà perché è fifona, dirindirindò.
Ha paura del pescecane
Ha paura della balena
E perfino della sardella
Dirindirindella
Dirindirindè.

Insiste il capitano, dirindirindona
Bisogna farla andare, dirindirindà.
La nave Gelsomina Dirindirindina
Però non vuol partire, dirindirindì.

Ha paura dei quattro venti
Ha paura di andare a fondo
Tanto più che non sa nuotare
Dirindirindare
Dirindirindà.

La nave Gelsomina
Comincia a navigare.
Ha vinto l'emozione
Bevendosi due gin.
Dirindirindella dirindirindin

E corre Gelsomina Dirindirindina
Sorride il capitano, dirindirindà
Perché la navicella, dirindirindella
Continua a navigare, dirindirindà.

E corre Gelsomina Dirindirindina
Continua a navigare e non si ferma più
Continua a navigare e non si ferma più!

Dirindirindina dirindirindella
Dirindirindella dirindirindù!

  accordi  

 C
Dirindirindina dirindirindella 

dirindirindella dirindirindà. 

     F
La nave Gelsomina Dirindirindina 

                         Em
non vuole navigare, dirindirindà. 

     F
Sarà perchè è piccina dirindirindina 

sarà perchè è fifona dirindirindì. 



      Am
Ha paura del pescecane 

ha paura della balena 

       Em
e perfino della sardella 

             C
dirindirindella 

dirindirindè. 

    F
Insiste il capitano, dirindirindina 

                           Em
bisogna farla andare, dirindirindà. 

     F
La nave Gelsomina dirindirindina 

però non vuol partire dirindirindì. 

      Am
Ha paura dei quattro venti 

ha paura di andare a fondo 

           Em
tanto piu' che non sa nuotare 

            C
dirindirindare 

dirindirindà. 

     Gm
La nave gelsomina 

comincia a navigare. 

Ha vinto l'emozione 

bevendosi due gin. 


Dirindirindella dirindirindin. 



     F
E corre Gelsomina Dirindirindina 

                          Em
sorride il capitano, dirindirindà 

       F
perchè la navicella, dirindirindella 

                          C       F Em
continua a navigare, dirindirindà.  

     F
E corre Gelsomina Dirindirindina 

                          C
continua a navigare e non si ferma piu' 

     F                    C
continua a navigare e non si ferma piu'! 


Dirindirindina dirindirindella 

dirindirindella dirindirindu'!

Paolo Simoni - Non sono solo canzonette




Il testo

Fondamentalmente è inutile parlarne
Sarebbe meglio togliersi le scarpe
e godersi questo bel cielo limpido 

Cosa me ne importa degli addominali
Se in tasca ho pochi denari
Sono un vagabondo ma lassù
mi è rimasto Dio
 
Cerco anch’io un centro di gravità permanente
Se certe notti la strada non conta
Tu dimmi quando, quando… la troverò veramente
 
Seguo i lati comici
Tralascio i malinconici
Seguo il motivo elastico di questa realtà
La la la la la la
Comprendo i miei limiti
E scelgo quelli complici
I lati più sensibili di questa realtà
 
Fondamentalmente è inutile negarlo
Sarebbe meglio fare un bel salto
In questo blu, in questo blu… dipinto di blu
 
Ma come è profondo il mare
Che sapore di sale, ma che sapore di te
 Buonanotte fiorellino
questa notte è per te
 
Seguo i lati comici
Tralascio i malinconici
Seguo il motivo elastico di questa realtà
La la la la la la
Comprendo i miei limiti
E scelgo quelli complici
I lati più sensibili di questa realtà
 
Se siano i migliori anni della nostra vita
io ancora non lo so!
Tu mi chiedi but I don’t know!
Berta fila la lana e Sally è ancora lontana
Alice guarda i gatti,
vola una canzone sopra i tetti
 
C’è un vecchio e un bambino che camminano
su queste montagne verdi
Non sono solo canzonette
C’è di più, c’è molto di più
 
Tu cosa sei? Seguo i lati comici
Tu cosa vuoi? Tralascio i malinconici
 Tu cosa sei? Seguo il motivo elastico di questa realtà
Tu cosa vuoi?
 
Tu cosa sei? Ascolto i miei limiti
Tu cosa vuoi? E scelgo quelli complici
Tu cosa sei? seguo il motivo elastico
 
Comprendo i miei limiti
E scelgo quelli complici
I lati più sensibili di questa realtà.

Paolo Simoni - Ci Voglio Ridere Su
Il nuovo album




Tracklist:
 1. Non Sono Solo Canzonette 
 2.Ettore
 3. Io Sono Io E Tu Sei Tu 
 4.Generazione '80
 5.Crisi
 6.Il Mio Nome E' Albert
 7.Nuvole D'Autunno
 8.Tocca A Te
 9.Coincidenze
 10.Il Gabbiano Morricone

domenica 16 settembre 2012

1966 - 8° Zecchino d'oro - I fratelli del far west



Lo Zecchino d'Oro dal 1959

1966 - 8° Zecchino d'Oro






Il testo

Un cow-boy che sa ben impugnar la pistola,
Ed un altro che sa ben suonar la mandola,
Due fratelli che sembrano aver un cuor solo
Van cantando dall'Ovest all'Est, nel Far West:

«Siamo quel gran Gianni Gian,
Quel buon Johnny John,
Che sempre d'accordo son!»

Galoppano i fratelli, per le valli se ne van
E in mille ritornelli canteran:

«Siamo quel gran Gianni Gian
Quel buon Johnny John,
Che sempre d'accordo son!»

Galoppano i cavalli, monti e colli
varcheran,
Fin quando mille stelle spunteran.

Ci vuole una pistola che i banditi fa scappar
E arriva allora Gianni Gian.
Ci vuole una mandola attorno al fuoco per
sognar
E vien con la mandola Johnny John.

«Siamo quel gran Gianni Gian,
Quel buon Johnny John,
Che sempre d'accordo son!»
Venite nel Far West con Gianni Gian con
Johnny John!
Cantate insieme a noi questa canzon!».

  accordi  

C Am F 

G7         G                   C       F
Un cow boy che sa ben impugnar la pistola, 

        G                     C       F
ed un altro che sa ben suonar la mandola, 

                                         C
due fratelli che sembrano aver un cuor solo, 

          D                      D9
van cantando dall'Ovest all'est, nel Far West:

Dm               F
"Siamo quel gran Gianni Gian 

          Em                  F
quel buon Johnny John, che sempre d'accordo son!" 

E    Am
Galoppano i fratelli, per le valli se ne van 

        D7
e in mille ritornelli canteran: 

G                F
"Siamo quel gran Gianni Gian 

          Em                  F
quel buon Johnny John, che sempre d'accordo son!" 

E    Am
Galoppano i cavalli, monti e colli varcheran, 

fin quando mille stelle spunteran. 

C     F                         C
Ci vuole una pistola che i banditi fa scappar 

      G7
e arriva allora Gianni Gian. 

C     F                            C
Ci vuole una mandola attorno al fuoco per sognar 

       D7
e vien con la mandola Johnny John. 

G                F
"Siamo quel gran Gianni Gian 

          Em                  F
quel buon Johnny John, che sempre d'accordo son!" 

E   Am                              D7
Venite nel Far West con Gianni Gian con Johnny John! 

Cdim C
Cantate insieme a noi questa canzon! 

                F
Siamo quel gran Gianni Gian 

          Em                  F
quel buon Johnny John, che sempre d'accordo son!" 

E    Am
Galoppano i fratelli, per le valli se ne van 

        D7
e in mille ritornelli canteran: 

G                F
"Siamo quel gran Gianni Gian 

          Em                  F
quel buon Johnny John, che sempre d'accordo son!" 

E    Am
Galoppano i cavalli, monti e colli varcheran, 

fin quando mille stelle spunteran. 

C     F                         C
Ci vuole una pistola che i banditi fa scappar 

      G7
e arriva allora Gianni Gian. 

C     F                            C
Ci vuole una mandola attorno al fuoco per sognar 

       D7
e vien con la mandola Johnny John. 

G                F
"Siamo quel gran Gianni Gian 

          Em                  F
quel buon Johnny John, che sempre d'accordo son!" 

E   Am                              D7
Venite nel Far West con Gianni Gian con Johnny John! 

Cdim C
Cantate insieme a noi questa canzon, 

insieme a noi questa canzon, insieme a noi questa canzon! 

Marracash feat Emis Killa - Giusto un giro




Il testo

Rit 

Esco a fare un giro torno presto baby 
Mi hanno offerto un altro giro 
E mo' non sto più in piedi 
Ma perché sono finito qua? 
Niente di meglio da fare in città 
In testa ho un altra musica 
Lalalalalalala 

Nuovo single 
Bingo 
Anche tu single 
Uniamoci come nello spot 
Dei Ringo 
Albertino giù mi sta' dicendo "fammi il jingle" 
Ho una jappo ed una russa attorno a me 
Bilinguo 
Fanno i cori come a Etò 
Tu sei old retrò 
Mi hanno detto che vieni a ballare 
Col metrò 
Lei ha un capolavoro al collo 
Tipo art decò [chapeau] 
Sarei lieto di invitarla dentro il mio chateau [pardon?] 
Lei mi guarda 
Legge Prada sopra la mia zip 
Poi mi spara una domanda tipo sconvolt quiz 
E me la porto dietro 
si mic rimorchio qui 
E mi si è attaccatta zio 
Come il rimorchio a un tir 
All'inizio sono metà buone 
Metà no 
Shot dopo shot quelle buone aumentano 
No, non sono fatto 
E' solo un nuovo passo baby 
Chiedo scusa se ogni tanto ti calpesto i piedi 
oops 

Rit. 

Levo la giacca 
Il dj spacca 
La pista è piena già 
E chi non balla 
Si tiene a galla 
Andando spesso al bar 
Un nuovo passo 
Lo impari quando 
Finisci la drink card 
Le code in bagno 
Le tipe e l'alcol 
Lalalalalalalala 

(Emis Killa) 
Quando entro nel club il tempo di ferma 
Vooom 
Sembra la scena del cowboy che entra nel saloon 
Lui smette di fare su 
Lei smette di bere rhum 
E si alza dal posto come quando arriva il bus 
Piacere Mascia 
Il piacere è tutto mio 
Prende da bere 
Dico "lascia, pago tutto io" 
E visto che le tipe snob non le punto mai 
Scommetto su questa cavalla 
Come al punto Snai 
E parliamo beviamo balliamo 
Finché la mia drink card ha più buchi della faccia di Cassano 
Ti giuro ero uscito a farmi un giro innocente 
Ma sono finito qui perché in giro non c'era niente 
Mi gira la testa usciamo 
Dice "va bene ma non girarti dietro c'è il mio fidanzato" 
E gira e rigira finisco a casa sua ubriaco 
La schiaccio e quando vengo mi giro dall'altro lato 

Rit. 

(Marra) 
L'ho già vista 
La cubista 
Sì ci sta sicuro 
Ma c'è un tipo in pista che mi fissa 
E mi fa muro 
E' il suo tipo 
S'intesisce 
Vuole fare il duro 
Non capisc 
In fondo io c'ho gli occhi e lei c'ha il culo 
Dice "Marra è bono" 
Come il cantante degli U2 
Lui non l'ha capita 
Manco arriva a Ligabue 
Ci vorrebbe quell'affare con il flash 
Che avevano in Men In Black 
Per farle dimenticare di te 
Ho raccolto questi soldi come fiori freschi 
So che ce ne sono molti dove ho presto questi 
Le cime mi appagano 
Le rime mi pagano 
Le tipe mi amano 
E tu mi detesti 
Improvviso come il jazz 
Easy come il jet 
Bevo tutto nel privé 
Mi ci tuffo 
Splash 
Mammamia 
C'è la marramania 
L'amore c'entra poco 
Con la monogamia zia 

Rit 

mercoledì 12 settembre 2012

55° ZECCHINO d'ORO 2012: I BRANI





Sigla 55° Zecchino d'Oro 2012 cantata da Veronica Maya e Pino Insegno Rai1



Zecchino d'oro dal 1959



Il cinquantacinquesimo Zecchino d'Oro si svolgerà a Bologna dal 20 novembre al 24 novembre 2012. Verrà presentato da Veronica Maya e Pino Insegno





NASI ALL’INSÙ E TARANTELLA, ECCO I BRANI DEL 55°ZECCHINO D’ORO 

 Sono stati selezionati i 12 brani in gara al 55°Zecchino d’Oro, in onda su Rai Uno il prossimo novembre. La Giuria, presieduta dal Direttore dell’Antoniano di Bologna Fra Alessandro Caspoli e formata da tredici membri ha lavorato in completa sinergia per trovare i brani più adatti a concorrere per lo Zecchino d’Oro del 2012. 
 
lista dei bambini e delle loro canzoni:


BARELLI NYK GIOVANNI, 6 anni, Firenze, canta “Il Lupo Teodoro”
 Testo: Carmine Spera / Ilenia Navarra – Musica: Carmine Spera 


BLASIOL FRANCESCA, 10 anni, Rovereto (TN), canta “Lo gnomo Deodato”
 Testo e Musica: Augusto Bella 


DUOCCIO LORENZO, 7 anni, Valle S. Nicolao (BI), canta “Il blues del manichino”
 Testo: Leonardo Veronesi – Musica: Giuseppe Di Marco 


GIBILISCO CARLA, 8 anni, Ragusa, canta “La tarantella della mozzarella”
 Testo e Musica: Gianfranco Grottoli / Gianfranco Fasano / Andrea Vaschetti 


HELEN CATHERINE SOPHIE LUZÒN ONA, canta "Verso l'aurora" 
Testo: Y. Hidalgo Rodriguez - G. Gotti Musica: R. A. Tamayo Guerrero  


ILIADE MARESCOTTI KANARÀ, canta"Il sirtaki di Icaro" 
Testo: M.R. Ferrara – M. Amanatidou  Musica: M.R. Ferrara  


JUAN FRANCISCO GRECO, canta "Il canto del gauchito" 
Testo: E. Palmieri - M. Gardini Musica: E. Palmieri 


LANFRANCHI MARANATHA’, 6 anni, Dazio (SO) e OSTAN SAMUELE, 4 anni, San Giovanni in Persiceto (BO), cantano “Il mondo delle fiabe (la ballata del principe azzurro)”.
 Testo: Alessandro Cavazza – Musica: Claudio Napolitano / Michele Napolitano


LEONARDI ANDREA, 9 anni, Acireale (CT), canta “La banda sbanda”
 Testo: Carmine Spera – Musica: Giuseppe De Rosa


PINNA ARIANNA, 10 anni, Capoterra (CA), canta “Quello che mi aspetto da te”
 Testo e Musica: Gian Marco Gualandi 


ZAMA MATILDE, 5 anni, Roma e PONTONI GIADA, 6 anni, Faenza (RA), cantano “Le galline intelligenti (ma sgrammaticate!)”
 Testo e Musica: Maria Letizia Amoroso (Mitzì Amoroso) 


SPICCIA MASSIMO, 4 anni, Cerreto di Spoleto (PG), “Il mio nasino”
Testo: Sergio Iodice – Musica: Piero Braggi






Classifica finale

Il mio nasino ha vinto il 55° Zecchino d’Oro

1) “Il mio nasino”, Testo: Sergio Iodice - Musica: Piero Braggi. 186 punti
 
2) “Il canto del gauchito” (Argentina), Testo e musica originale: Ezechiel Palmieri, Testo italiano: Mario Gardini. 183 punti
 
3) “La banda sbanda” Testo: Carmine Spera - Musica: Giuseppe De Rosa. 181 punti
 
3) “Il blues del manichino”, Testo: Leonardo Veronesi - Musica: Giuseppe Di Marco. 181 punti
 
3) “La ballata del principe azzurro”, Testo e Musica: Alessandro Cavazza/ Claudio Napolitano / Michele Napolitano. 179 punti
 
4) “Quello che mi aspetto da te”, (Testo e Musica: Gian Marco Gualandi). 179 punti
 
5) “Verso l’aurora” (Ecuador), Testo originale: Yankilè Hidalgo, Musica originale: Roberto Anibal Tamayo Guerrero,Testo italiano: Giovanni Gotti. 177 punti
 
6) “Le galline intelligenti (ma sgrammaticate!)” , Testo e Musica: Maria Letizia Amoroso (Mitzì Amoroso). 176 punti
 
7) “Tarantella della mozzarella”, Testo e Musica: Gianfranco Grottoli / Gianfranco Fasano/ Andrea Vaschetti. 173 punti
 
8) “Lupo Teodoro”, Testo: Carmine Spera / Ilenia Navarra - Musica: Carmine Spera. 172 punti
 
9) “Lo gnomo Deodato”, Testo e Musica: Augusto Bella. 170 punti
 
10) “Il sirtaki di Icaro” (Grecia), Testo originale: Maria Amanatidou, Testo e Musica: Maria Rita Ferrara. 161 punti  

Lucio Dalla con Paolo Simoni - Io sono io e tu sei tu








Il testo

Io sono io 
tu sei tu
e ognuno ha i suoi tempi


io non sono un tipo equilibrato 
bevo caffè mangio tanto cioccolato

io non sono un tipo delicato
dimmi ciò che pensi tu poi ti dico 

da bambio mi dicevano 
sei troppo grasso 

da bambio mi dicevano
tu parli troppo

da bambio mi dicevano
quanto sei fesso
 
gioca in porta e stai zitto 


mamma papà voglio un pianoforte
mamma papà quello vero  con le corde

mamma papà io ti giuro lo prometto
recupero la scuola e la sera a letto presto 

fatti misfatti si sono chiusi i conti
il trio col passato  che ogni giorno distorti 


adesso permesso ho già pagato il conto
la fila non la faccio ho mangiato troppo


Io sono io e
tu sei tu
Io sono io 
tu sei tu
e ognuno ha i suoi tempi

Io sono io e
tu sei tu
Io sono io 
tu sei tu
ma che bello incontrarti

sono Paolo Simoni ti ricordi di me scrivo canzoni
vengo dal mare un posto provinciale 
è passato Garibaldi nel quarantanove 

non sei  male  ti ho sentito canticchiare 
ma con questa roba dov'è che vuoi andare 
non basta la canzone ci vuole emozione 
che gira per la radio o che va in televisione


Io sono io e
tu sei tu
Io sono io 
tu sei tu
e ognuno ha i suoi tempi

Io sono io e
tu sei tu
Io sono io 
tu sei tu
ma che bello incontrarti

(pronto... pronto Lucio mi senti... pronto... 
 ma... che cosa stai dicento... pronto si vabbè... vabbè... ciao)

Io sono io e
tu sei tu
Io sono io 
tu sei tu
e ognuno ha i suoi tempi

Io sono io e
tu sei tu
Io sono io 
tu sei tu
ma che bello incontrarti

io non sono un tipo equilibrato 
bevo caffè mangio tanto cioccolato

anch'io non sono mai stato equlibrato 
e torno dalla luna per dirti buona fortuna 

domenica 9 settembre 2012

Renato Zero - Testimone

Testimone - midi kataoke




Il testo

Guarda bene questa faccia non l’ha dimenticare
ogni passo ogni tua traccia, lo sai che ci sarò,
per ogni goccia di sudore o lacrima che piove
 cristallo o stella di dolore, io la raccoglierò remando insieme in questa barca, nel mare della vita, urtare un onda imbizzarrita, pregare e andare su perché pregare un po parlare, infondo con se stessi, scoprirti in tutti i tuoi riflessi e crederci di più.
Senza mai niente di intentato sfidarsi e andare avanti non indugiare e non stancarti, io sono dietro te.
Vivi, sono io il tuo testimone adesso, vivi,
prendi tutto il tuo fiato i tuoi giorni il tuo tempo,
vivi, il tuo cielo è un’agenda affollata di impegni
Io la matita per i tuoi disegni.
E non lasciare che nessuno ti sporchi mai le mani.
I tuoi occhi i tuoi domani, difendili da te.
Riscaldati ma non scottarti nel fuoco che divampa
spicca quel volo che ti tenta, io ti solleverò, vivi,
sono io il tuo testimone adesso, vivi, grida forte il tuo nome, il tuo corpo, il tuo sesso,
 vivi, perché ti appartiene ogni momento e quando credi di esse finito tu invece dacci dentro, vivi, vivi, fuori da tutti quei compromessi
e vivrò anche io dei tuoi successi..


Raf - Le ragioni del cuore




Il testo

Eccomi qui. Qui e adesso.
Io sono qui
e ora mi sento libero.
L’essenza non ha forma, è senza estetica.
L’istinto per la musica è come etica.
Io sono qui
Con gli occhi chiusi, per ascoltare per inventare.
Libero. Le gabbie del passato si dissolvono,
non perdo tempo a disegnare altrove il domani. 

Io sono qui. Qui e adesso.
In ogni istante, con tutto me stesso.
Sono qui, dentro il presente sempre fino in fondo, tra i percorsi della mente e le ragioni del cuore.
Tutto è così infinito
E quel ch’è stato e che sarà non è la realtà che sfugge,
ma qui e adesso.
E, mentre passa una canzone, gli attimi rallentano:
potere della musica, che attraversa spazio e tempo per entrare nella mente o per colpire dritto al cuore, come te che resti sempre il mio piu’ grande amore.
 
Noi siamo qui, ancora qui.
Certo più stanchi e mai sconfitti
Siamo. Questo è quanto basta,
stando in equilibrio, tra incertezze nella testa e le ragioni del cuore.
 
Noi siamo qui. Qui e adesso
ed ogni istante non è mai lo stesso .
Siamo qui dentro il presente, sempre fino in fondo,
tra i percorsi della mente e le ragioni del cuore.

1965 - 7° Zecchino d'Oro - Dagli una spinta Carlo Alberto Travaglino










 Lo Zecchino d'Oro dal 1959

 Le canzoni vincitrici dal 1959  

 1965 - 7° Zecchino d'Oro 

Dagli una spinta Carlo Alberto Travaglino



Il testo


Il caro nonno Asdrubale 

Lasciò un'eredità:

 A noi toccò una macchina 

Di sessant'anni fa.

 Un tipo d'automobile 

Che ridere può far, 

Ma, ridere per ridere,

 Papà ci volle andar...

 

E dopo dieci, venti, trenta scoppi del motor

 La gente tutt'intorno gli gridava con calor:

 

Dai... dai... dai...

 Dagli una spinta 

Dagli una spinta 

Perché così non va! 

Dai... dai... dai...

 Dagli una spinta 

Dagli una spinta 

Vedrai che partirà!

 

La buona zia Felicita 

Che oscilla sul quintal, 

D'inverno, la domenica, 

Sui monti va a sciar.

 Vederla è uno spettacolo 

Col suo maglione blu, 

Ma nella neve soffice sprofonda sempre

 più...

 

E dopo dieci, venti, trenta sforzi per partir

 Rimane lì impalata mentre intorno sente dir:

 

Dai... dai... dai...

 Dagli una spinta 

Dagli una spinta 

Perché così non va! 

Dai... dai... dai...

 Dagli una spinta 

Dagli una spinta 

Vedrai che partirà!

 

Di scena sono i missili 

E i razzi a propulsion;

 Qualcuno entra in orbita, 

Qualcuno fa eccezion...

 Poi quelli che ricadono 

In fumo se ne van:

 Son cose che succedono, 

Ma si rimedieran...

 

Fra dieci o quindici anni per la luna partirem 

E questo ritornello forse ancora sentirem:

 Dai... dai... dai... ecc.

  accordi  

D#   A#
IL CARO NONNO ASDRUBALE  LASCIO' UN'EREDITA'

A NOI TOCCO' UNA MACCHINA

      Cm
DI SESSANT'ANNI FA'.

     A#
UN TIPO D'AUTOMOBILE

      Gm
CHE RIDERE PUO' FAR

     A#m
MA RIDERE PER RIDERE

      F
PAPA' CI VOLLE ANDAR E DOPO DIECI VENTIT RENTA

SCOPPI DEL MOTOR LA GENTE TUTTA INTORNO

         Fm
GLI GRIDAVA CON CALOR.

    A#      F7            A#
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              F
DAGLI UNA SPINTA PERCHE' COSI' NON VA

A#          F             A#
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              F
DAGLI UNA SPINTA VEDRAI CHE PARTIRA'.

A#
LA BUONA ZIA FELICITA CHE OSCILLA SUL QUINTAL

D'INVERNO ALLA DOMENICA

       Cm
SUI MONTI VA A SCIAR.

     A#
VEDERLA E' UNO SPETTACOLO

        Gm
COL SUO MAGLIONE BLU

      A#m
MA NELLA NEVE SOFFICE

       F
SPROFONDA SEMPRE PIU'

E DOPO DIECI VENTIT RENTA

SFORZI PER PARTIR

RIMANE LI' IMPALATA

            Fm
MENTRE INTORNO SENTE DIR.

    A#      F7            A#
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              F
DAGLI UNA SPINTA

VEDRAI CHE PARTIRA'.

A#          F             A#
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              F
DAGLI UNA SPINTA VEDRAI CHE PARTIRA'

A#
DI SCENA SONO I MISSILI

E I RAZZI A PROPULSION

QUALCUNO ENTRA IN ORBITA

      Cm
QUALCUNO FA ECCEZION.

        A#
POI QUELLI CHE RITARDANO

     Gm
IN FUMO SE NE VAN

      A#m
SON COSE CHE SUCCEDONO

      F
MA SI RIMEDIERA'.

FRA DIECI O QUINDICI ANNI

PER LA LUNA PARTIREM

E QUESTO RITORNELLO

          Fm
FORSE ANCORA SENTIREM.

    A#      F7            A#
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              F
DAGLI UNA SPINTA PERCHE' COSI' NON VA

A#          F             A#
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              F                         Gm G C G
DAGLI UNA SPINTA VEDRAI CHE PARTIRA'.



C           G7            C
DAI DAI DAI DAGLI UNA SPINTA

              G                      G# C
DAGLI UNA SPINTA VEDRAI CHE PARTIRA'!   


1964 - 6° Zecchino d'Oro - Viviana Stucchi - Il pulcino ballerino










 Lo Zecchino d'Oro dal 1959

1964 - 6° Zecchino d'Oro

Il testo Dall'uovo gobbo Di una gallina zoppa Nacque un pulcino Che zoppicava un po'. Sembrava triste Perciò la mamma chioccia Per consolarlo L'hully gully gli insegnò... Ticche tocche - Ticche tocche Il pulcino dopo un po' Ticche tocche - Ticche tocche A ballare incominciò... Tre galletti verdi e gialli Professori di hully gully Il pulcino ballerino Salutarono così: Chicchirichì...! Per l'hully gully Di quel pulcino zoppo Grilli e cicale Facevano «cri cri»... Il babbo gallo Scoppiava dalla gioia E nel pollaio Una festa organizzò... Ticche tocche - Ticche tocche Il pulcino dopo un po' Ticche tocche - Ticche tocche A ballare incominciò... Tre galletti verdi e gialli Professori di hully gully Il pulcino ballerino Salutarono così: Chicchirichì....! Orchestra Tre galletti verdi e gialli Professori di hully gully Il pulcino ballerino Salutarono così: Chicchirichì....! Chicchirichì....!!! accordi F Gm F Gm F C7 Dall'uovo gobbo C F di una gallina zoppa A# naccque un pulcino Dm6 C7 che zoppicava un po'. F C Sembrava triste F perciò la mamma chioccia A# per consolarlo G7 C7 C l'hully gully gli insegnò. F Ticche tocche, ticche tocche C7 C il pulcino dopo un po' D C ticche tocche, ticche tocche F C a ballare incominciò. F Tre galletti verdi e gialli, C7 Gm professori d'hully gully, Am D il pulcino ballerino C7 salutarono così: F Gm F Gm Chicchirichì... F C Per l'hully gully F di quel pulcino zoppo A# grilli e cicale Dm6 C7 facevan cri cri cri F C Il babbo gallo F scoppiava dalla gioia A# e nel pollaio Dm6 C7 C una festa organizzò. F Ticche tocche, ticche tocche C7 C il pulcino dopo un po' D C ticche tocche, ticche tocche F C a ballare incominciò. F Tre galletti verdi e gialli, C7 Gm professori d'hully gully, Am D il pulcino ballerino C7 salutarono così: F Chicchirichì... Chicchirichì... Chicchirichì...

Zecchino d'oro 1963
Gianfranco Tonello - Non lo faccio più



Lo Zecchino d'Oro dal 1959

1963 - 5° Zecchino d'Oro






Il testo

Dammi un bacio subito:

 Son qui... son qui...

 Per chiederti perdono, mamma...

 

Sulla codina del gatto 

Lo smalto rosso e blu 

Non lo metto più...

 E quella bionda parrucca 

Alla zia di Cantù 

Non la strappo più...

 Sotto le scarpe del nonno 

Le bucce di banana 

Non metterò...

 E nel cappello del babbo 

Il vasetto della colla 

Non verserò...

 

Mamma non lo faccio più:

 Perdonami...! Perdonami....! 

Non lo faccio proprio più...

 Però... però...

 Ti devo ancora confessare...:

 

Quei confettini alla frutta 

Che prima di dormire 

Ti mangi tu,

 Nel mio pancino goloso 

Li sento andar su e giù...

 Non lo faccio più...!

 

Orchestra

 

Mamma non lo faccio più:

 Perdonami...! Perdonami...! 

Non lo faccio proprio più...

 Però... però...

 Ti devo ancora confessare...:

 

Quei confettini alla frutta 

Che prima di dormire 

Ti mangi tu,

 Nel mio pancino goloso 

Li sento andar su e giù...

 Non lo faccio più...

 

Non lo faccio più...

 Non lo faccio più...!

giovedì 6 settembre 2012

Pino Daniele - Melodramma




Il testo

Amore adesso puoi decidere
Di entrare in scena e fingere
In questo melodramma
Si accendono le luci color tramonto
Come il vestito che indossi per me 

L’amore, l’amore si fa attendere
Forse nel secondo tempo in un altro momento
Ma in un momento tutto puó succedere
Un battito di ali nel silenzio della vita
 
Rit : saliró tutte le scale del mondo
Io saró alla fine del giorno ad aspettarti io saró
Alla fine di questo ritorno saró
Alla fine della strada Che ci porta al mare
 
La passione è fuoco e cenere
Ed icolori che dipingono le tele
Mettono a nudo la semplicità
E siamo solo attimi da vivere così
 
Rit: saliró tutte le scale del mondo
Io saró alla fine del giorno ad aspettarti 
io saró alla fine di questo ritorno saró
Alla fine della strada che ci porta al mare




  accordi  

DO#    FA#          DO#
Amore adesso puoi decidere
     FA#              DO#
Di entrare in scena e fingere
   FA#                   DO#
In questo melodramma si accendono 
le luci
FA#
Color tramonto come il vestito
SI
Che indossi per me
DO#        FA#         DO#
L'amore l'amore si fa attendere
FA#                     DO#
Forse nel secondo tempo in un 
altro momento
FA#                               DO#
Ma in un momento tutto può succedere
FA#                     SI
Un battito di ali nel silenzio 
della vita
    DO#                   SI
Salirò tutte le scale del mondo
     FA#     LA#m
Io sarò alla fine del giorno
       FA#               LA#m
Ad aspettarti sarò, alla fine 
            FA#
di questo ritorno sarò
     LA#m                 
Alla fine della strada che 
            SIB FA
ci porta al ma  re

LA#m FAm

LA#m FAm FA# DO# FA#

LA#m FAm FA# DO# FA# DO# FA# DO#

DO#  FA#              DO#
La passione è fuoco e cenere
      FA#       DO#
E di colori che dipingono le tele
FA#                      DO#
Mettono a nudo la semplicità
    FA#                  SI
Noi siamo solo attimi da vivere così

    DO#                   SI
Salirò tutte le scale del mondo
     FA#     LA#m
Io sarò alla fine del giorno
       FA#               LA#m
Ad aspettarti sarò, alla fine 
            FA#
di questo ritorno sarò
     LA#m             
Alla fine della strada 
                SIB FA
che ci porta al ma  re

LA#m FAm

LA#m FAm FA# DO# FA#

LA#m FAm FA# DO# FA# DO# FA# DO#

mercoledì 5 settembre 2012

Emma- Acqua e ghiaccio

Acqua e ghiaccio - karaoke




Il testo

C'è un bene bianco che sta sul fondo, 
un bene che non mi prendo, 
è come un vuoto che sfonda il cuore 
è un modo per non dire 
ma sono giorni lenti che non passano, 
ma sono notti brevi che tagliano, 
mi sogno le parole che sono belle 
ma solo le bugie sotto la pelle. 
Il resto non lo so neanch'io, 
il resto non lo so nemmeno io. 
Ma ghiaccio e acqua, ghiaccio e acqua mi bastano, 
ma ghiaccio e acqua ghiaccio e acqua mi cullano 
dove non sei,come un abbraccio lungo e gelido 
che brucia però nell'acqua 
il ghiaccio mi dimentico. 
Più non mi vedi più mi nascondo, 
finchè mi mangia il mondo, 
per te diventerò invisibile così sarò 
sarò come mi vuoi, 
così non sarà colpa mia, 
così non sarà solo colpa mia. 
Ma ghiaccio e acqua,ghiaccio e acqua mi bastano, 
ma ghiaccio e acqua ghiaccio e acqua mi cullano 
quando non sei come un abbraccio lungo e gelido 
che brucia però nell'acqua il ghiaccio mi dimentico. 

Renato Zero - il sole che non vedi




Il testo

Oramai oramai oramai qui va bene tutto 
Questo mondo è all'incanto, oramai non connette più 
Stiamo andando allo sbando, il pensiero ha toccato il fondo 
Una promessa vorrei:niente più guerre fra noi 
Ritornasse la voglia di amare e di avere un figlio 
Di egoisimi ci siamo ammalati mentendo a noi 
Che di cieli ne avemmo divisi restando accanto 
E invece eccoci qua 
Risolti solo a metà 

Dov'è che porterai il sorriso mio, la mia spensieratezza?...Rispondi! 
A chi dedicherai la luna, il suo stupore, la fierezza?...Rispondi! 
E' il momento di dirci tutto 
Adesso o mai più 
E quel bimbo che sta nascendo, magari sei tu...sei tu 

Ho deciso: combatto al tuo fianco 
Ho deciso: resto 
Io non lascio, addirittura pretendo la parte mia 
Perchè un vero soldato ha ben chiaro cos'è l'inferno 
Voglio tornare da te 
Io non più schiavo ma re 

C'è un sole che non vedi, lui ti parla e tu gli credi 
E' questa la fede? 
Darsi completamente ti avvicinerà alla gente, è questo il movente? 
La violenza è il nuovo vangelo, ma Cristo non c'è 
Se avremo mai un'avvenire, dipende da noi, lo sai 

Tutto quello che ci serve è un orizzonte completamente aperto 
Una domenica, un pane ed una spiaggia dove ritrovarci o perderci 
La volontà non manchi, e una preghiera ci accompagni ovunque, per non dimenticare
 Mentre aspettiamo che si faccia sera, perchè di sera si è più veri, si è migliori
 Perchè di sera si ritorna sempre

sabato 1 settembre 2012

Green Day - "Oh Love"





Il testo

Oh Love, oh love
Won’t you rain on me tonight?
Oh life, oh life
Please don’t pass me by
Don’t stop, don’t stop
Don’t stop when the red lights flash
Oh ride, free ride
Won’t you take me close to you 

[Chorus]
Far away, far away
Waste away tonight
I’m wearing my heart on a noose
 
Far away, far away
Waste away tonight
Tonight my heart’s on the loose
 
Oh lights and action
I just can’t be satisfied
Oh losers and choosers
Won’t you please hold on my life
Oh hours and hours
Like the dog years of the day
Old story, same old story
Won’t you see the light of day
 
[Chorus]
Far away, far away
Waste away tonight
I’m wearing my heart on a noose
 
Far away, far away
Waste away tonight
Tonight my heart’s on the loose
 
Talk myself out of feeling
Talk my way out of control
Talk myself out of falling in love
Falling in love with you
 
[Instrumental]
 
Oh love, oh Love
Won’t your rain on me tonight
Oh ride, free ride
 WOn’t you take me close to you
 
[Chorus]
Far away, far away
Waste away tonight
I’m wearing my heart on a noose
 
Far away, far away
Waste away tonight
Tonight my heart’s on the loose
 
[Chorus]
Far away, far away
Waste away tonight
I’m wearing my heart on a noose
 
Far away, far away
Waste away tonight
Tonight my heart’s on the loose
 
Tonight my heart’s on the loose…
Tonight my heart’s on the loose…

traduzione

Oh amore, oh amore
Perchè non piovi su di me stanotte?
Oh vita, oh vita
Per favore, non lasciarmi
Non fermarti, non fermarti
Non fermarti quando vedi la luce rossa,
Oh corsa, corsa libera
Mi terrai vicino a te? 

Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Ho un cappio sul mio cuore,
 
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Questa notte il mio cuore è a piede libero
 
Oh luci e azione
Non posso essere soddisfatto
Oh perdenti e coloro che scelgono
Puoi perfavore attendere per la mia vita
Oh ore e ore
Come gli anni da schifo
Vecchia storia, stessa vecchia storia
Non vedrai la luce del giorno
 
[Chorus]
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Ho un cappio sul mio cuore,
 
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Questa notte il mio cuore è a piede libero
 
Parlo a me stesso senza sentimenti
Parlo ma sono senza controllo
Parlo a me stesso ma non sono innamorato
Innamorarsi con voi
 
[Instrumental]
 
Oh amore, oh amore
Perchè non piovi su di me stanotte?
Oh corsa, corsa libera
Mi terrai vicino a te
 
[Chorus]
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Ho un cappio sul mio cuore,
 
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Questa notte il mio cuore è a piede libero
 
[Chorus]
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Ho un cappio sul mio cuore,
 
Lontano, lontano,
Sono perso e lontano stanotte,
Questa notte il mio cuore è a piede libero
 
Questa notte il mio cuore è a piede libero…
Questa notte il mio cuore è a piede libero…

deadmau5 - Professional griefers (feat. Gerard Way)





Il testo

I like the sound of the broken pieces
 I like the lights that assign where she sits
 
We got machines but the kids got Jesus
 Ought to move like we’re off the name list
 God can’t hear you, they will fight you
 Watch them build a friend just like you
 
Morning Sickness, XYZ
 Teenage Girls with, ESP (2x)
 
Gimme the sound, to see
 Another world outside that’s full of
 All the broken things that I made
 
Just give me a life, to plea
 Another world outside that’s full of
 All the awful things that I made
 
We like to dance but the dead go faster
 Turn up the slam and a barcode blaster
 We want the cash or the drugs you’re after
 Rise up control for the mixtape master
 
Self-correction, Mass dissection
 Xbox brats on in detention
 Morning sickness, XYZ
 Boys with bombs in NMA
 
Compliancy, Special Castings
 
Photographs that I’m erasing
 
Phono slots with picture screens
 
Girls with guns on LSD
 Self-infraction, mass destruction
 Programmed for the final function
 
Lab Rat King, Rescue team
 
Save me from the anarchy
 
Gimme the sound, to see
 Another world outside that’s full of
 All the broken things that I made
 
Just give me a life, to plea
 Another world outside that’s full of
 All the awful things that I made
 
‘Cause we are the last disease
 Another broken life that’s full of
 All the awful things that I made
 
And we got the eyes to see
 Another broken life that’s full of
 All the awful things that are made

The Killers - Runaways





Il testo

Blonde hair blowin’ in the summer wind
 A blue-eyed girl playing in the sand
 I’d been on a trail for a little while
 But that was the night that she broke down and held my hand
 The teenage rush, she said, ‘maybe I’ll just runaway, we got time’
 Well that ain’t much…
 We can’t wait ’til tomorrow
 You gotta know that this is real, baby why you wanna fight it?
 It’s the one thing you can choose, oh!
 We got engaged on a Friday night
 I swore on the head of our unborn child that I could take care of the three of us
 But I got the tendency to slip when the nights get wild.
 It’s in my blood
 She says she might just runaway somewhere else, some place good
 We can’t wait ’til tomorrow
 You gotta know that this is real, baby why you wanna fight it?
 It’s the one thing you can choose
 Let’s take a chance baby we can’t lose
 Mean we’re all just runaways
 I knew that when I met you, I’m not gonna let you runaway
 I knew that when I held you, I wasn’t lettin’ go
 We used to look at the stars and confess our dreams
 Hold each other to the morning light
 We used to laugh, now we only fight
 Baby are you lonesome now?
 At night I come home after they go to sleep
 Like a stumbling ghost, I haunt these halls
 There’s a picture of us on our wedding day
 I recognize the girl but I can’t settle in these walls
 We can’t wait ’til tomorrow
 No we’re caught up in the appeal, baby why you wanna hide it?
 It’s the last thing on my mind
 (Why you wanna hide it?)
 I turn the engine over and my body just comes alive and we all just runaway
 I knew that when I met you, I’m not gonna let you runaway
 I knew that when I held you, I wasn’t lettin go, no no no!
 (No no no!)
 (And we’re all just runaways)
 Yeah runaway
 (And we’re all just runaways)
 Yeah

 traduzione

Capelli biondi scompigliati dal vento estivo
 Una ragazza dagli occhi blu che gioca sulla sabbia
 Ho seguito una traccia per un po’ di tempo
 Ma è stata la notte in cui si è messa a piangere e ha preso la mia mano
 La fretta dell’adolescente, ha detto, forse fuggirò, abbiamo tempo
 Beh ma non è molto…
 Non possiamo aspettare fino a domani
 Devi sapere che questo è reale, baby vuoi opporti?
 E’ l’unica cosa che puoi scegliere, oh!
 Ci siamo fidanzati un venerdì notte
 Ho giurato sulla testa di un nostro futuro bambino che mi sarei preso cura di noi tre
 Ma quando la notte diventa sfrenata ho la tendenza a scappare
 Ce l’ho nel sangue
 Lei dice che potrebbe andare via da qualche parte, un bel posto
 Non possiamo aspettare fino a domani
 Devi sapere che questo è reale, baby vuoi opporti?
 E’ l’unica cosa che puoi scegliere 
Cogliamo l’occasione baby non possiamo perdercela
 Voglio dire, siamo tutti dei fuggitivi
 Quando ti ho conosciuta sapevo che non ti avrei lasciata scappare
 Quando ti ho abbracciata sapevo che non ti avrei lasciata andare
 Guardavamo le stelle e ci raccontavamo i nostri sogni
 Ci tenevamo stretti fino al sorgere del giorno
 Ridevamo, ora litighiamo e basta
 Baby ti senti sola adesso?
 Di notte vado a casa dopo che sono andati a letto
 Come un fantasma insicuro, infesto queste stanze
 C’è una foto del nostro matrimonio
 Riconosco la ragazza ma non riesco a stare tra queste mura
 Non possiamo aspettare fino a domani
 No siamo presi dall’attrazione, baby perché vuoi nasconderlo?
 E’ l’ultima cosa che mi viene in mente
 (Perché vuoi nasconderlo?)
 Giro l’ingranaggio e il mio corpo diventa vivo e siamo tutti dei fuggitivi
 Quando ti ho conosciuta sapevo che non ti avrei lasciata scappare
 Quando ti ho abbracciata sapevo che non ti avrei lasciata andare, no no no!
 (No no no!)
 (E siamo tutti dei fuggitivi)
 Yeah fuggitivi 
(E siamo tutti dei fuggitivi)
 Yeah

Francesca Michielin - Sola





Il testo

E ti si legge negli occhi perché
non c’è alcun peso da nascondere
e quel vestito da stringere un po’
buone intenzioni che non bastano
e tieni a mente le parole
solo le più belle
rotta è la tua voce
mentre il cielo piange
sei sola, sola, sola
ti senti sola, sola, sola
E ti si legge negli occhi perché
sempre più rare le tue lacrime
la nostalgia per chi non rivedrai
e l’allegria che poi ritroverai
nei gesti e nei dettagli
 piccoli e importanti
anche se oggi vedi solo amori infranti
sei sola, sola, sola
ti senti ancora troppo sola, sola, sola
E continui a domandarti
quale senso possa avere il tuo dolore
risposte troverai prima o poi
in fondo all’amore
che ti renderà più forte
e sarà una buona amica anche la solitudine
sola, sola, sola
tu non sei sola, sola, sola.

  accordi  

Do# Sol# Re# (x2)
 (Intro)
 Sol#
 E ti si legge negli occhi
     Re# Fa-                        Do#
 perché non c’è alcun peso da nascondere
 Sol#                          Re# 
 e quel vestito da stringere un pò
 Fa-                        Do#  
buone invenzioni che non bastano
 Re#
 e tieni a mente le parole
 solo le più belle
 Fa-
 rotta è la tua voce
 mentre il cielo piange
 Do# Re# Fa-
 sei sola, sola, sola
 Do# Re# Fa- 
ti senti sola, sola, sola
 Sol#
 ti si legge negli occhi
 Re#    Fa-                       Do#
 perché sempre più rare le tue lacrime
 Sol#                          Re#
 la nostalgia per chi non rivedrai
 Fa-                     Do# 
e l’allegria che poi ritroverai
 Re#
 nei gesti e nei dettagli
 piccoli e importanti
 Fa-
 anche se oggi vedi
 solo amori infranti
       Do# Re# Fa- 
sei sola, sola, sola
                           Do# Re# Fa- 
ti senti ancora troppo sola, sola, sola
        Sol#
 e continui a domandarti
                                 Re#
 quale senso possa avere il tuo dolore
       Fa-
 risposte troverai prima o poi
                   Do# 
in fondo all’amore
          Re#
 che ti renderà più forte
 Do
 e sarà una buona amica anche
 la solitudine
 Do# Re# Fa- 
sola, sola, sola
                Do# Re# Fa- 
tu non sei sola, sola, sola.
 Do# Re# Fa-